martedì 19 settembre 2017

La personale di Clinton Whiting allo SpazioELLE di Castel Gandolfo

Clinton Whiting

Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio

A cura di Domenico Cornacchione
22 settembre – 20 ottobre 2017

SpazioELLE – centro di ricerca e sperimentazione artistica

Castel Gandolfo – Via del Mare 138
“Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio” è la prima mostra dello SpazioELLE unicamente dedicata alla pittura, ed è anche la prima riservata all’arte figurativa. Con questa esposizione vogliamo dimostrare che il figurativo non appartiene solo al passato. C’è la convinzione, soprattutto in Italia, che l’arte contemporanea debba essere necessariamente “astratta”. Per fortuna non è (sempre) così. Lo dimostra Clinton Whiting, artista statunitense che, ispirandosi al sarcofago etrusco di Arnth Tetnies e Ramtha Vishnai, conservato nel Museum of Fine Arts di Boston, ha realizzato, per questa esposizione, una serie di dipinti in cui la figura umana è il soggetto principale, talmente importante che predomina su tutto, a tal punto da essere l’unico soggetto dipinto. Clinton, dopo la laurea in belle
arti conseguita presso l’Università dello Utah, ha trascorso un periodo di studio in Italia approfondendo la conoscenza dell’arte etrusca che lo ha influenzato per la realizzazione di questa nuova serie di dipinti. Le sue figure si muovono in una dimensione diversa dalla nostra. Lo sfondo scompare e al suo posto appaiono campiture colorate che creano un senso di spaesamento. In questo caso l’artista, ispirato dalla teologia mormone, analizza il potente e inscindibile legame di una coppia che si prolunga anche dopo la morte manifestandosi attraverso un indissolubile abbraccio.

Nessun commento:

Posta un commento