In difesa del Parco Regionale del Matese

Cantiere per la realizzazione di un nuovo parco eolico nel
 Comune di Circello.
Quando ho iniziato a immaginare un progetto fotografico che indagasse la complessa realtà dell’eolico in Molise, mi sono proposto di restare il più neutrale possibile e raccogliere una galleria d’immagini per ogni singolo parco eolico sul territorio molisano, per poi realizzare un libro fotografico sul tema. Per me avrebbero parlato le immagini, ma come si può restare neutrali davanti alle ultime notizie apparse sui giornali in queste settimane? In territorio campano, nel comune di Circello, a poche centinaia di metri dal confine molisano, a ridosso del Parco Regionale del Matese e del sito archeologico di Saepinum – Altilia, è iniziata la realizzazione di un nuovo parco eolico. E come si può restare neutrali davanti alla mobilitazione delle popolazioni del Matese e dell’alto Tammaro in difesa del loro territorio? Recentemente è stato costituito un coordinamento per mettere in rete enti, associazioni e comitati che lottano per salvare la loro terra.
Presidio dei comitati contro la costruzione del
nuovo parco eolico
Così ho deciso di rendere palese la mia contrarietà a questi nuovi impianti eolici e, in segno di vicinanza e condivisione della loro/nostra lotta contro il parco eolico di Circello, ho visitato il presidio dei comitati sul territorio.

Le popolazioni del Matese e dell’Alto Tammaro si stanno battendo in ogni sede per salvaguardare il Parco Regionale del Matese, il sito archeologico di Saepinum – Altilia e il Parco Geopaleontologico di Pietraroja. L’istallazione di nuovi parchi eolici in quelle terre determinerebbe uno stravolgimento paesaggistico su una parte di territorio di elevata valenza naturalistica, archeologica e ambientale.
Così, come prima tappa del progetto “Terra, Aria e Ferro” ho deciso di parlare di un parco eolico che ancora non c’è e che spero non ci sia mai, anche se i segni della sua imminente nascita sono già evidenti. 









Libri consigliati

Commenti