martedì 30 luglio 2013

Sculture contro la velocità - opera realizzata per il Festival Ecosuoni2013 a Terracina


Domenico Cornacchione in quest'opera scende in se stesso con estrema leggerezza ma con grande serietà  e profondità, mettendo lo spettatore di fronte ad un'immagine speciale. Così incredibilmente emersa dalle forme della natura e creata nel rispetto e nell'armonia dell'ambiente, fatta di edera e rocce. Nascono le pietre sospese ai rami che sembrano galleggiare nell'aria sopra la testa dello spettatore. Rievocano una sensazione antica, è forse la culla dove siamo stati mentre guardavamo il mondo dal basso con i suoi volti che ci
scrutavano ed i giochi sospesi che alimentavano l'immaginazione? È un'immagine interiore insorta inconsapevolmente quella dell'artista Cornacchione, capace di emozionare con delicatezza gli occhi sensibili. E costringe alla sensibilità, per poter vedere.
di Daniela Polese

Libri consigliati 


Nessun commento:

Posta un commento